#35 – La generazione web

In questi giorni si parla della cosidetta “generazione web”, cioè quella fascia di utenza che usa le nuove tecnologie in contemporanea tra loro o, per dirla da tecnici, in multitasking.

Giovani e un po’ meno giovani che riescono a fare nello stesso momento un sacco di attività diverse: ascoltare musica, scrivere mail, chattare, usare il telefonino e navigare su internet. Spezzettando tra loro le varie capacità mentali per ogni singolo “task”.

Qualcuno si è chiesto cosa comporterà in futuro un uso così stressante del cervello e in molti sostengono che probabilmente andrà persa parte della memoria a lungo termine che verrà invece usata in larga parte per “archiviare” solo stralci di informazioni di breve durata, come descritto in un bel libro di Vittorino Andreoli appena uscito.

Sdrammatizzando, siccome è tardi e sono un po’ stanco, spengo la musica, chiudo Skype, invio l’ultima mail, spengo il cellulare e mentre mi lavo i denti vi lascio alla striscia di domani, cioè di oggi, cioè… ehm di cosa stavamo parlando?

4 Commenti...

  1. Albo

    voglio assolutamente il portatile con la pera morsicata!
    basta con la apple! 😀

  2. Max

    Conosco gente che fa fatica a parlare e camminare, troppo insieme per il cervello 🙂

    (mi piace il taglio giornalistico che sta prendendo il tuo blog)

  3. Moerandia

    E’ vero, un taglio giornalistico interessante.
    Ma, riguardo alle nuove attitudini mentali, uno non deve prendere l’abitudine, se no come fa a guidare anche solo due ruote?
    Saluti.
    GM

  4. Fam

    Il computer è un Pear, il modello di punta si chiama MacPears&Cheese.

Lascia un commento