#42 – Cosa ci sta dietro?

Oggi sono polemico e la tavola di Quiff mi è nata impastata di critica. Si perchè, dovete saperlo (ma ve ne accorgerete da voi), ce l’ho spesso con l’uomo. Inteso come specie animale. Quello che dovrebbe essere la meraviglia della natura, l’essere intelligente, dotato come nessun altro di capacità superiori, destinato a dominare il mondo, beh, alle volte mi fa ridere. Più spesso piangere. Ha scambiato la parola “dominare” con “rovinare” e non ci capisce più nulla. Da un certo punto di vista siamo un fallimento totale.

Questa volta mi sento in qualche modo vicino a quelli che hanno la puzza sotto al naso. No, non intendo gli snob e gli aspiranti chic, ma quelli che si ritrovano sommersi dai rifiuti. Quelli che la stupidità altrui la pagano cara. In questi giorni ho saputo che in Campania vengono riversate tonnellate di “scoazze” (dal dialetto: immondizia) del Veneto. Io sono Veneto e per quanto non sia direttamente colpa mia e non possa farci molto, mi vergogno come un ladro di impestare con i miei scarti una così bella regione. Il disgusto che si prova di fronte ad un sacco di immondizia che ribolle al sole è lo stesso che provo per tutti quelli che in questa situazione ci ficcano la brava gente.

10 Commenti...

  1. Fam

    Tutto questo è prodotto da gente che ha l’immondizia nel cervello. E pensare che esistono macchine in grado di riciclare i rifiuti al 100 per cento. Macchine che separano i metalli dalla plastica e l’umido dal secco senza nemmeno dover effettuare la raccolta differenziata. Questi impianti producono materiali riciclabili (plastica e metallo) e compost per l’agricoltura. Le aziende che utilizzano gli impianti di riciclaggio considerano i rifiuti una risorsa e non un problema. In alcune regioni italiane (in Toscana) questi impianti sono già una realtà mentre altrove, a quanto pare, si preferisce scatenare una guerra tra poveri.

  2. Cius

    “…Macchine che separano i metalli dalla plastica e l’umido dal secco senza nemmeno dover effettuare la raccolta differenziata…”

    Nella mia ignoranza non pensavo esistessero per davvero dei macchinari in grado di fare tutto questo. Qui dove abito io, a breve, spariranno i cassonetti dalle strade per essere sostituiti da bidoni e bidoncini da tenere in casa per la raccolta differenziata. In un paese vicino a dove abito questa cosa è già realtà. Hanno semplicemente deciso di liberare le strade e di “affittare” i nostri spazi privati che ovviamente non gli costano nulla. Riducono il passaggio dei camion dell’immondizia e ci lasciano 2 settimane con la plastica, la carta, il verde, ecc, chiusi in un bidone. Bella roba. Si torna indietro di cinquant’anni. Mi immagino chi vive nei mini appartamenti e magari non ha terrazzi o balconi… dove metterà tutta questa meraviglia?

  3. Albo

    purtroppo fino ad ora ed ancora oggi c’è gente che pensa solo a sfruttare il mondo in cui si vive, ma come, per fortuna, si sente ovunque, questa mentalità non potrà durare o durerà, ma ci porterà alla fine.
    Se siamo persone davvero razionali e davvero di buon senso è giusto che siamo più responsabili anche nell’eliminazione degli scarti che produciamo. Qui da me a Palermo la raccolta differenziata non esiste, o meglio, è affidata alla buona volontà di chiunque lo voglia fare… e penso che se funzionasse le discariche sarebbero meno piene e ci vorrebbero meno termovalorizzatori… comunque bella tavola e purtroppo ancora per tanta gente, pecunia non olet… nemmeno quello derivante dal business(spesso collegato alla malavita) dei rifiuti!

    Ah grazie per la segnalazione di Copper, mi sa che ho 1 altro webcomic da leggere!

  4. Max

    Il belo del tuo blog e’ che non stai a guardarti l’ombelico. Si parla anche di altri fumetti e di qualche problema sociale.
    E i tuoi personaggi ti seguono (c’era da dubitarne?)

  5. _Antonio_

    @Cius: E sai qual’è la cosa buffa? Che in molti paesi in cui si fa la raccolta differenziata la spazzatura viene viene comunque “smaltita” insieme. Si, la raccolta differenziata non implica il riciclaggio. Sta cos al’ho vista in uno di questi programmi in TV e il sindaco di noricordoqualecomune si giustificava con il fatto che “intanto si educa la popolazione alla raccolta differenziata, e poi, quando sarà ora (ora??! bah!) ci saranno il trattamento diferenziato ed il riciclaggio… bah!

  6. Cri

    Uè, era un po’ che non guardavo il blog….A proposito del il pianeta di Smorg: vorremmo una parte dei diritti d’autore, che ne dici, CIus?

  7. cius

    x Cri: Male, male, devi passare più spesso! Comunque per i diritti d’autore non c’è problema: facciamo a metà del nulla che guadagno! Ci stai? 😉

  8. andrei

    Attraverso i fumetti si riescono anche a trattare problemi sociali, se ci si impegna! Complimenti, in particolare per l’ultima vignetta, i personaggi in fondo, sperduti dietro vallate di spazzatura, mentre euri in banconote svolazzano in primo piano… Come a dire, mettete bene a fuoco la situazione: forse la fonte del problema non è la spazzatura, ma proprio quelle banconote (IL DENARO!)

  9. Cius

    x andrei: Wow! Grazie! Ti assumo subito come critico!

  10. manu

    bella! bravo!

Lascia un commento